Art. 1

Il Rotary Club Roma Parioli insieme con il Rotaract Club Roma Parioli e l’Associazione AMUSE bandisce la nona edizione del Concorso di idee “Renovatio Urbis”, dando con¬tinuità ad una iniziativa culturale avviata più di quindici anni or sono e rivolta ai giovani su temi significativi del rinnovo urbano di Roma.
Il Concorso ha il patrocinio del Distretto Rotary 2080, del Municipio II di Roma Capitale, del Maxxi, del Dipartimento di Ingegneria Civile Edile e Ambientale dell’Università di Roma “Sapienza”, della Fondazione Almagià dell’ACER-Associazio¬ne Costruttori Edili di Roma e dell’Ordine degli Architetti e dei Pianificatori della Provincia di Roma, del CONI, di AITEC (Associazione Italiana Tecnico Economica Cemento).

Art. 2

Il tema del Concorso è:
Il miglio delle arti: proposte per qualificarne la fruizione
La IX edizione del Concorso individua un asse che interessa i quartieri Parioli, Flaminio e delle Vittorie tra Villa Glori e le pendici di Monte Mario: parte dalla villa, percorre gli spazi antistanti l’Auditorium e il Palazzetto dello Sport, segue via Guido Reni con il Maxxi e le caserme di prossima ristrutturazione (ove la futura Città della Scienza, ormai pianificata dal Comune di Roma, rappresenterà un altro tassello), attraversa il Tevere sul Ponte della Musica e arriva alla Sala delle Armi del Foro Italico.
La lunghezza di questo asse è di circa 1.650 metri, pari esat¬tamente ad un miglio.
L’asse considerato lega fra loro una sequenza di interventi di evidente valore architettonico e urbanistico, alcuni “storici”, quali il Villaggio Olimpico, il Palazzetto dello Sport, lo Stadio Flaminio, la Sala delle Armi del Foro Italico, altri recenti, quali l’Auditorium e il Maxxi (già consolidati) e il ponte della Mu¬sica, altri ancora in fase di programmazione e progettazione, quale – appunto – la Città della Scienza.
Si è oggi di fronte ad una graduale trasformazione insediativa di un tessuto urbanistico relativamente moderno, prima attestato sullo storico tracciato della via Flaminia, direttamente legato all’ansa del Tevere e al centro storico di Roma, ed oggi arricchito dai ruoli acquisiti dalla suddetta trasversalità. L’area, in parte consolidata per architetture, per modi di vita e di lavoro a partire dai primi decenni del secolo scorso, è ormai diversificata per forme di fruizione, di vita e di lavoro, senza tuttavia siano stati posti in essere elementi che ne consentano una fruibilità integrata di tutti i caratteri sociali, culturali, artistici, sportivi che ne caratterizzano le potenzialità.

Art. 3

Il concorso richiede proposte, a livello di idee, per migliorare la fruizione, nel senso più ampio del termine, dell’area interessata dal “Miglio delle Arti”.
Il concorso si articola in due sezioni parallele e distinte corrispondenti a due ambiti complementari in rapporto agli obiettivi che intende perseguire: una sezione “architettonico-urbanistica” e una sezione “conoscitivo-culturale”.

Art. 4

Contenuti delle due sezioni.
1^ SEZIONE – In ambito attinente agli aspetti architettonici e urbanistici, i concorrenti dovranno avanzare proposte per riqualificare con interventi localizzati e/o diffusi – volti a favorire, tra l’altro, percorrenze prevalentemente pedonali e/o ciclabili – la fruizione del verde così come quella dei numerosi edifici “notevoli” per la cultura, lo spettacolo, lo sport e il tempo libero e delle aree residenziali contermini.
In questo contesto i concorrenti dovranno comunque prevedere lo studio dettagliato di uno o più elementi di arredo urbano (del costo complessivo massimo di € 10.000) ritenuti significativi per affermare il senso e la memoria dei luoghi. Il Rotary Club Roma Parioli, assieme agli altri soggetti promotori e sponsorizzatori del Concorso, si riserva di valutare la realizzabilità dell’elemento anche in rapporto all’impatto economico.

2^ SEZIONE – In ambito attinente agli aspetti sociali, culturali e sportivi dell’area sopra indicata, i concorrenti dovranno presentare proposte per consentire la conoscenza del valore dei luoghi per quanti vi vivono, vi lavorano e ne sono visitatori, attraverso la formulazione di uno o più “itinerari della co¬noscenza”, ovvero “guide strutturate” di luoghi e di percorsi, organizzate per aree tematiche, che riportino informazioni su quanto ritenuto di interesse (fatti storici, vicende di vita, caratteri dell’area da riconoscere, percorsi e spazi da privilegiare, consuetudini o eventi da rimarcare, monumenti, archi¬tetture e/o infrastrutture da raccontare) per la conoscenza e la fruizione dell’area del “Miglio” da parte sia dei visitatori che degli abitanti.

Art. 5

Il concorso è destinato agli studenti delle scuole medie superiori, agli studenti universitari e ai laureati delle Università e delle Accademie romane di età inferiore a 35 anni, che potranno partecipare individualmente od in gruppo a una o a entrambe le sezioni.

Art. 6

Elaborati.
Per la sezione “architettonico-urbanistica” è richiesta:
a) una relazione illustrativa della proposta, corredata da immagini e/o illustrazioni, di non più di 10 pagine in formato UNI A3
b) 3 tavole formato UNI A2 con elaborati a scelta del concorrente, realizzate con qualsiasi tecnica, montate su supporto rigido dello spessore massimo di mm 5;
c) 1 tavola, dello stesso formato e caratteristiche delle pre¬cedenti, contenente la proposta tecnicamente dettagliata dell’arredo di cui al punto 4 del presente bando;
d) un DVD che contiene relazioni e tavole;
e) una busta chiusa e sigillata contenente le generalità e la qualifica del concorrente o dei componenti il gruppo di concorrenti e, in questo caso, anche del capogruppo. Non è ammessa la presentazione di plastici.
Per la sezione “conoscitivo-culturale” è richiesta:
a) una relazione illustrativa della proposta, corredata da eventuali immagini e/o illustrazioni, con le motivazioni delle scelte dello/degli “itinerari della conoscenza”, della loro ubicazione, dei loro
contenuti e degli impatti previsti sulla fruibilità dell’area di intervento e del quartiere, di non più di 5 pagine in formato UNI A3;
b) una scheda per ciascun “itinerario” tematico previsto, con¬tenente la mappa dell’itinerario con
l’ubicazione dei luoghi di interesse trattati, la sintesi delle in¬formazioni ritenute significative per
l’itinerario nel suo complesso e per ciascuno dei luoghi indicati, immagini e/o illustrazioni significative, di un massimo di 2 pagine formato UNI A3;
c) un DVD che contiene relazione e schede;
d) una busta chiusa e sigillata contenente le generalità e la qualifica del concorrente o dei componenti il gruppo di con¬correnti e, in questo caso, anche del capogruppo.

Art. 7

Eventuali informazioni tecniche aggiuntive, nonché contatti per chiarimenti, saranno poste a disposizione dei Concorrenti sul sito internet del Rotary Club Roma Pa¬rioli www.rotaryromaparioli.it, ovvero all’indirizzo e-mail : segreteria@rotaryromaparioli.it .

I concorrenti che intendono partecipare al concorso dovran¬no effettuare, pena l’esclusione, l’iscrizione, gratuita, entro il 15 gennaio 2015 presso la Segreteria del Rotary Club Roma Parioli all’indirizzo e-mail: segreteria@rotaryromaparioli.it, indicando le generalità e le qualifiche di ciascuno dei compo¬nenti il gruppo e del capogruppo, con i relativi recapiti, numeri telefonici e indirizzi e-mail.

Art. 8

I Concorrenti iscritti saranno invitati a mezzo e-mail ad una riunione di indirizzo in data 22 gennaio 2015 in sede da stabilire, con i rappresentanti del Rotary e degli altri Enti partecipanti al concorso.

Art. 9

I Concorrenti dovranno presentare i documenti ed elaborati indicati nell’Art. 6, riuniti in un unico plico chiuso recante la dicitura “Rotary Club Roma Parioli – Concorso Renovatio Urbis 2014”, nelle ore 9.30–13 e 15-17 di lunedì 30 marzo 2015 e nelle ore 9.30-13 di martedì 31 marzo 2015, presso il DISTRETTO 2080 R. I. – piazza Cola di Rienzo 69 – 00192 Roma, che ne rilascerà ricevuta.

Art. 10

Sulla busta, sulla relazione e sugli elaborati grafici non dovrà essere apposto alcun nominativo, motto o altra indicazione che consenta l’individuazione del concorrente.
La presentazione difforme da quanto indicato dal presente articolo sarà motivo di esclusione dal Concorso.

Art. 11

La Giuria sarà formata da Soci del Rotary Club Roma Parioli, da un Socio del Rotaract (con funzione di Segretario), da Associazione AMUSE e da un rappresentante di ciascun Ente o Istituzione che patrocina il Concorso. Per ciascuna sezione la Commissione giudicatrice formerà una graduatoria di merito e nominerà le proposte vincitrici con un primo premio e un secondo premio.

Art. 12

A ciascuna proposta vincitrice verrà assegnato un premio di 1.500 €, alla seconda classificata un premio di 1.000 €. Alle eventuali proposte segnalate potranno essere assegnati ulteriori premi e riconoscimenti offerti dagli Enti e istituzioni che partecipano al Concorso.

La Giuria ha la facoltà di suddividere il premio tra eventuali vincitori “ex-aequo” oltre ad indicare le proposte meritevoli di segnalazione.

Art. 13

La Giuria esprimerà l’esito del Concorso entro il 20 aprile 2015.

Art. 14

Le proposte risultate vincitrici, per ciascuna sezione, nonché eventuali altre giudicate meritevoli di attenzione, potranno essere utilizzate per implementare un sito, consultabile on-line, configurato quale guida digitale che, associando il passato dell’area con il suo presente e futuro di eventi, iniziative e azioni, fornisca un supporto informativo/ ricreativo, interattivo in tempo reale. L’obiettivo è di mettere a disposizione una mappa “navigabile” dell’asse, con un data base di informazioni consultabili, categorizzate per “oggetto” di interesse, per un pubblico costituito da residenti, visitatori e tutti coloro che utilizzano gli spazi connessi al Miglio delle Arti. Questo sviluppo del Progetto verrà trattato in un workshop, che verrà avviato entro i 10 giorni successivi alla data prevista nell’art. 13, al quale saranno invitati i vincitori del Concorso e gli estensori degli elaborati più interessanti, insieme con membri della Commissione, con la finalità di mettere a punto proposte funzionali da implementare a sistema e da presentare alle Amministrazioni competenti, alle Istitu¬zioni culturali legate all’area in oggetto, alle Associazioni di quartiere, ecc.

Art. 15

Entro sessanta giorni dalla pubblicazione i Con¬correnti potranno ritirare gli elaborati presentati al Concorso: trascorso tale termine il Club banditore non risponderà della loro conservazione.